RSS

Riuscirà un cinepandoro a salvarci dai cinepanettoni?

26 Lug

Artwork/Locandina del film

Il 6 agosto uscirà in anteprima, nelle sale italiane, Pandorum: un film che nel resto del mondo è nato, cresciuto, ha pascolato ed è morto nel 2009. Non dobbiamo stupirci di questo ritardo, in fondo a noi italiani interessa solo ciò che avviene nel nostro cortiletto, no? Siamo nimby 1, in fin dei conti. Tutto ciò che è fuori dal nostro metro quadrato di terra è fuori dal nostro interesse e chi se ne fotte se ci spacciano per prima visione un film uscito un anno fa: in fondo per noi è prima visione!
Ma non perdiamo tempo a indignarci se l’industria cinematografica italiana ci tratta come se fossimo una colonia di Bangkok, in fondo noi siamo fuori dal loro nimby.
Minchia come sono polemico oggi ma torniamo a parlare di questo filmotto che, pur se ha fatto cagare un po’ ovunque, diciamo che stuzzica profondamente il fanta-avventuriero autolesionista, solitario, claustrofobo, un po’ antropologo e molto indiana jones con la spada laser che vive in me.
Perchè non vediamo di che si tratta?

La trama prevede che un’astronave con 60mila persone a bordo, in animazione sospesa, si perda inesorabilmente nello spazio, mentre due membri dell’equipaggio si svegliano senza motivo e iniziano a indagare sulla faccenda. Naturalmente tutto prenderà una piega inaspettata e i due scopriranno di non essere soli, infatti una folla di pipistrelli alieni spaziali li osserverà durante una citazione a zero-g della nota scena dei cowboy di Brokeback Mountain. Strillini e borsettate in gran quantità per tutti! Ma non voglio rovinarvi la sorpresa del film, quindi mi fermo qui con gli spoiler.
Tutto il resto sa molto di Event Horizon,  con l’immancabile Alien (ormai pietra miliare e tombale del cinema fanta-horror), un’annaffiata de La Cosa, un’eco di The Matrix e probabilmente anche un po’ di Resident Evil, per non offendere le minoranze. E non dimentichiamo di condire con una spruzzatina di Dead Space per gli amanti delle citazioni trasversali!
Citazioni che però non mi spaventano, in fondo da questo film mi aspetto adrenalina a fiotti, effettacci grand-guignoleschi, sangue, liquidi mollicci, digressioni evoluzionistiche, metafore sociali e un sonoro finalone scrauso da “vaffanculo-brutti-porci” tutti in coro in sala.
In fondo anche Terminator è nato come b-movie…

Vi lascio con l’immancabile trailerone (in inglish perchè così non capite un cacchio e vi sembrerà più bello! :P).

Note:

  1. n.i.m.b.y. : acronimo per not in my backyard, cioè non nel mio cortiletto: se non riguarda i miei più diretti interessi, può anche andare alla malora il mondo[↑]
Annunci
 
1 Commento

Pubblicato da su 26 luglio 2010 in cinema, fantascienza

 

Tag: , ,

Una risposta a “Riuscirà un cinepandoro a salvarci dai cinepanettoni?

  1. Darsch

    26 luglio 2010 at 09:37

    Condivido pienamente la considerazione ad inizio post, ma ormai non me ne stupisco più. D’altronde siamo il paese in cui De Sica, Boldi e compagnia bella registrano sempre il tutto esaurito, alla fine è anche logico che l’industria cinematografica si adatti alle sue “bestie”.

    Per quanto riguarda il film, in effetti sembra un bel trashone, ma è quel genere di trashone di cui ogni tanto si sente il bisogno, quindi hai acceso la mia curiosità! :P

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: