RSS

Archivi tag: berlusconi

E adesso datti da fare, ma senza strafare.

Dopo l’ebbrezza post elettorale dei giorni scorsi, sebbene sia ancora frastornato per la splendida vittoria in tutto il paese ma in particolare nella mia città, sento la necessità di mettere un po’ di chiarezza nei miei pensieri e lasciare che l’euforia lasci il posto alla ragione.

De Magistris si trova d’un tratto a governare non una città qualunque ma una città complicatissima, che è una specie di città a statuto speciale ufficioso e mai dichiarato. Una città che esplode ogni giorno mille volte più forte del vulcano che la sorveglia.
Per governare un coacervo di così tante micro-culture e micro-habitat, intrecciati intimamente dentro il tessuto urbano, non occorre semplicemente un amministratore napoletano ma un amministratore esperto e che sappia sentire il polso della città prima ancora che la città si accorga di un malessere in arrivo. Si tratta di un compito enorme e mi auguro che De Magistris abbia sufficiente capacità per portarlo a termine, laddove manca di esperienza come sindaco.

Ma sono preoccupato da un altro aspetto della questione.
Questa vittoria rappresenta un simbolo molto importante, poichè veicola il desiderio la fortissima volontà della popolazione di essere governata con giudizio e onestà, fuori dalle regole di partito e dagli intrallazzi che hanno prosciugato la salute del paese. Il simulacro vivente di questo desiderio è attualemente incarnato da Luigi De Magistris. Se cade lui, non cade solo la città ma tutto il cosiddetto ‘vento di cambiamento‘ che sta soffiando sul paese. E qui veniano al dunque: vogliamo parlare del suo ego smisurato?
Se non si sgonfia un poco rischia di diventare un piccolo Berlusconi del Vomero e questo sarebbe tragico, poichè getterebbe nel cesso tutti i grandi risultati ottenuti in questi giorni. Senza possibilità di appello.
In tal senso, mi pare molto più giudizioso Pisapia, a Milano.
Naturalmente nutro grosse aspettative per la mia città e mi auguro che questo nuovo corso porti una rinascita rapida e di tutti, per questo faccio il tifo per il nuovo sindaco, ma anche e soprattutto per ciò che rappresenta: per il cambiamento che sta portando e che è ancora dannatamente fragile.
Non buttiamo tutto alle ortiche, perciò: forza Gigi, ma nun fa’ strunzate!

 
1 Commento

Pubblicato da su 2 giugno 2011 in politica

 

Tag: , , , , , , , , , ,

Vittoria!

Due settimane di fibrillazione. Due settimane nelle quali ogni dichiarazione poteva far pendere la bilancia da una parte o dall’altra. Dopo anni nei quali i cittadini si sono ampiamente rotti i coglioni di una politica ammuffita e logora, sepolta dal gioco delle tre carte con cui le poltrone passavano da un sottosegretario a un ministro e viceversa, in un circolo senza sosta. Dopo anni di sopportazione ai limiti dell’autolesionismo, ecco finalmente la volontà popolare, il succo della democrazia, dare una forte sterzata politica al paese.
Berlusconi perde dapperrutto, tranne forse a Varese e Iglesias, ma non per merito del PD, quanto piuttosto per merito di chi si è messo in gioco con nuove idee e con il coraggio di proporre un cambiamento forte, radicale e impopolare, rischiando il tutto per tutto.
Anni di promesse vuote, di disastri, di disoccupazione e impoverimento generale, anni di corruzione a 360 gradi e di malcostume politico sono stati pesati, misurati e finalmente rigettati al mittente. Emblematica la disfatta ad Arcore!
La voglia di onestà, di riscatto nazionale e di giustizia è cresciuta a dismisura e ha trovato la sua naturale via di sbocco. Sperando che adesso il nuovo sistema politico riesca a fare misericordiosamente a pezzi quello vecchio e sperando che chi verrà saprà imparare dagli errori passati.
Nel frattempo voglio illudermi che il vento sia davvero cambiato e che porterà le novità tanto desiderate. Mi voglio proprio godere questo momento!

 
2 commenti

Pubblicato da su 30 maggio 2011 in politica

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,

La destra molle.

Vorrei vedere un guizzo d’orgoglio della destra, mortificata e messa in imbarazzo ogni giorno dalle buffonate del suo leader pagliaccio.

Vorrei vedere i sostenitori di Berlusconi indignarsi quando i suoi giornali fanno terrorismo da quattro soldi paragonando i pm e gli avversari politici nientemeno che alle Brigate Rosse. Vorrei sentire qualcuno di loro, soprattutto le brave persone (e ne conosco tante), dire “ma che cazzo dice?“.

Persino la Lega sta prendendo le distanze.

Non mi riferisco ai tanti (dis)onorevoli del pdl ma alla gente comune, a quelli che dovrebbero specchiarsi nelle facce dei supporters del premier, che dovrebbero riconoscersi nei volti di chi manifesta a sostegno di Berlusconi fuori delle aule di tribunale. Ecco, voi davvero vi sentite uguali a persone come questa?

Davvero vi riconoscete nella mandria adorante che si abbevera ai suoi comizi con tanto ardore? Sul serio credete alle menzogne che vi racconta?

Credete ancora ai comunisti? E a babbo natale? Provate per un attimo a immaginare come sarebbe la realtà se le cose che vi vengono dette fossero false. Davvero credete che Berlusconi sia l’ultimo baluardo di libertà contro il comunismo, che non esiste più se non a Cuba e in Cina?

E come spiegate che la crescita del paese è ferma da due anni? È sempre colpa dei pm? E la disoccupazione da dove esce fuori, l’hanno portata i comunisti?

E la povertà dilagante? E il mignottame? E l’ignoranza? E le case di cartapesta? E i rifiuti? E i soprusi? Colpa dei pm comunisti, vero? Che impediscono al povero Silvio di lavorare. E il resto del parlamento che fa, pettina le bambole?

Ma sveglia!

Vorrei che queste persone si destassero con un moto d’orgoglio, che si scrollassero tutta la propaganda grezza e pressappochista che gli è stata riversata addosso e dicessero “no, io non sono così fesso!“.

Perchè non vi rimboccate le maniche e non lavorate per una destra migliore, senza bunga bunga, senza leccare il culo agli industriali, senza collusioni e con un po’ più di umiltà? Si tratta di fare del bene a voi, prima ancora che al paese.

Forza, aprite gli occhi, sono sicuro che ce la potete fare!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 maggio 2011 in politica

 

Tag: , , , , , , ,

Il tabù israeliano.

Leggo con interesse la lucida analisi di Dario Ferri sulle reazioni della sinistra alle passate dichiarazioni pro Israele di Saviano e Travaglio. La simpatia per il popolo israeliano può diventare è un argomento molto imbarazzante e che ti può far trovare involontariamente catapultato a destra di Hitler, se la esprimi. Imbarazzante a tal punto, che il gruppo Sinistra per Israele dichiara esplicitamente nella homepage che il suo nome non è un ossimoro. Ciò vuol dire che è sempre un male confondere i governati con i governanti. Un po’ come se all’estero dicessero che siamo tutti come Berlusconi. A voi farebbe piacere essere scambiati per Berlusconi?

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 aprile 2011 in attualità, politica

 

Tag: , , , , , , , ,

Notizie di miracoli e altra umanità.

Il paesino di don Matteo col tasso di criminalità di Caracas.
È chiaro: da quando non c’è più don Matteo, i cattivi fanno quello che gli pare!
Ci vorrebbe una puntata di Forum per spedire tutti i mariuoli a Lampedusa, dove per intercessione del Santo Premier saranno teletrasportati tutti nel paesino di don Camillo, in compagnia del loro amico, il bolscevico onorevole Peppone!
Poi scopri che Il paesino ecc… è solo il nome di un utente facebook e ti senti tanto cretino.
Resta il fatto che un’azione congiunta fra Berlusconi e Dalla Chiesa risolverebbe i problemi di Caracas.

Festival delle mongolfiere a Hamilton, Nuova Zelandia.
Spettacolare festival dei palloni aerostatici in Nuova Zelanda, dove decine di mongolfiere colorate si solleveranno in cielo fino al 3 aprile, ma non c’è bisogno di andare fin lì per godersi lo spettacolo delle palle che si gonfiano. Qui da noi dura da vent’anni.

Il Santo Presidente promette il miracolo a Lampedusa.
Berlusconi vola a Lampedusa e, trasfiguratosi in Bertolaso, promette di risolvere l’emergenza in 60 ore.
I tunisini andranno a terzigno e i libici al poligono di Quirra. Già pronti i centri di accoglienza differenziata.

Lampedusa candidata al Nobel.
Berlusconi annuncia la candidatura dell’isola al prestigioso premio.
In lizza anche la variante Barberino-Roncobilaccio, l’orto di Al Bano, la salma di Liz Taylor e Doraemon.

Marchionne: la nuova sede? Non è in agenda.
Infatti è a Detroit.

Auto da materiali naturali.
In Brasile, ricercatori studiano come utilizzare materiali biodegradabili nella costruzione di automobili. Vedremo auto fatte di banane, ananas e cocco.
Da noi sono anni che la Fiat fa auto di merda.

In mezzo a tanti denigratori comunisti, meno male che c’è ancora qualcuno che dice le cose come stanno davvero!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 31 marzo 2011 in attualità, musica, politica

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

I falsi terremotati di Mediaset

Se esiste ancora qualcuno che guarda Forum e non abbia 80 anni, allora avrà certamente avuto modo di godersi l’ultimo siparietto, messo in scena dagli autori della trasmissione a beneficio del nostro sempre più amato Presidente del Consiglio.
I due attori, interpretando due coniugi aquilani separati e litigiosi, non hanno perso tempo a sottolineare il successo di Berlusconi nella ricostruzione della città, con farneticazioni a dir poco inquietanti.
Ecco qualche lapidario estratto:

– tutte le attività commerciali hanno riaperto;
– il capoluogo é in piena ricostruzione e sta tornando come prima;
– gli sfollati assistiti “sono rimasti fuori solo trecento, quattrocento persone: stanno in hotel perché gli fa pure comodo, mangiano, bevono e non pagano nulla, pure io ci vorrei andare

Quel pure io ci vorrei andare è allucinante, fa venire i brividi. Davvero Marina Villa, questo il nome dell’attrice, vorrebbe vivere da terremotata, senza più una casa e ospite di un albergo da quasi due anni? Le implicazioni sono gravissime, poichè si vuole sminuire non solo il senso della protesta di un’intera cittadinanza, amministrazione compresa, ma addirittura la dignità di persone che hanno subito una disgrazia durissima e che sono tuttora costrette a vivere in stanze d’albergo!
Ovviamente non poteva poi mancare l’inevitabile ringraziamento a Silvio Berlusconi, per lo splendido lavoro compiuto, e persino a Guido Bertolaso.
La smentita è giunta puntuale da parte dell’assessore alla Cultura dell’AquilaStefania Pezzopane, in una lettera a Rita Dalla Chiesa.
Noi tutti“, scrive la Pezzopane, “che viviamo quotidianamente il dramma e la desolazione di vedere la nostra città distrutta e abbandonata, ci sentiamo offesi e presi in giro“.
Il testo completo della lettera potete leggerlo qui (con dispositivi mobili potreste avere problemi a scaricare il file).
Come se ne avessimo ancora bisogno (ma forse è davvero così), questa è l’ennesima dimostrazione che il nostro paese necessita sempre di più di una cura ricostituente della dignità e del cervello, quest’ultimo oramai completamente rattrappito dalla mediocrità, per non dire che è affogato nella merda.
Le reti di Berlusconi ricorrono sempre più spesso a mezzucci meschini e disgustosi per inculcare le menzogne governative ma la cosa peggiore è vedere quanta cattiveria si usa per screditare coloro che si oppongono e ancora protestano per avere una casa e una vita normale nella loro città.
Sapete questi attori quanto hanno avuto per recitare la loro parte? 300 euro. Un cazzo, praticamente, il prezzo bassissimo della loro dignità.
In miniera li manderei a recitare. Magari in zona sismica.
Chissà cosa penserebbe il padre della Dalla Chiesa, se fosse ancora vivo, del comportamento prezzolato della figlia.

 
 

Tag: , , , , , , , , , , ,

Svelata la precisazione misteriosa.

La misteriosa precisazione apparsa ieri sul sito del governo ha fatto nascere un coro di domande. Che cosa avranno voluto dire? Si tratta forse di un messaggio in codice?
Ecco, noi di memorand0m siamo orgoglionissimi di annunciarvi la soluzione dell’enigmatica questione.


Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 marzo 2011 in politica

 

Tag: , , , , , ,