RSS

Archivi tag: corruzione

È arrivato SpiderTruman!!

Lui è un precario di Montecitorio, un portaborse, lacchè, sottopagato e tenuto al guinzaglio per 15 anni. Alla fine è stato licenziato e per questo ha deciso di raccontare sul web tutto quello che sa. Quale mezzo migliore per raggiungere centinaia di migliaia di persone, se non Facebook?
Ecco che nasce la pagina “I Segreti della Casta di Montecitorio“, dove racconta gli episodi che in 15 anni di onorata carriera gli sono capitati sotto gli occhi (o ai quali ha partecipato in prima persona, per sua stessa ammissione).
La pagina ha un boom di adesioni, con centinaia e poi migliaia di persone incazzate contro i politici zozzi e mariuoli, poi il prode SpiderTruman, rivelando di aver ricevuto minacce da FB, apre un blog per raccontare le stesse cose, con la differenza che ci può mettere pure qualche inserzioncina remunerativa. E infatti, guarda caso, sul blog appaiono le inserzioni pubblicitarie adsense di Google. Evidentemente al prode eroe mascherato non fanno schifo due spiccioletti in più, soprattutto quando la gente viene in pellegrinaggio al sito come se andasse a venerare la Madonna di Fatima che piange sangue. Persino i giornali ne hanno celebrato il coraggioso gesto.
Intanto, qualcuno un po’ più sveglio si chiede chi cazzo è sto tipo.
I dubbi fioccano come bestemmie al raduno della Lega a Pontida, dopo il nono grappino e alla vista della gigantografia di Garibaldi!
Chi è sto tipo? Perchè fa tutto questo? Se gli prudeva tanto il culo, perchè non l’ha fatto prima, in maniera anonima e, magari, denunciando alla magistratura?
E poi si scopre che questi incredibili segreti sono presi pari pari da vecchi articoli di giornale e dal libro La Casta, di Stella e Rizzo. Dunque il nostro vendicatore mascherato non ha raccontato nulla che abbia vissuto in prima persona ma ha solo fatto il copia e incolla da altre fonti (sicuramente più autorevoli).
Nulla di eclatante, allora, solo un anonimo incitatore di animi che, per sua stessa dichiarazionenon è meglio di quella casta di cui ha fatto parte.
Ecco che un po’ di cervelli ancora non troppo arruginiti cominciano a non digerire questa farsa:

1. Fabio Chiusi su Il Nichilista;
2. Arianna Ciccone, su Valigia Blu;
3. Emilio Fabio Torsello su Diritto di Critica.

Eppure, nonostante tanti dubbi leciti non solo sulla sua identità ma, soprattutto, sulle sue intenzioni, moltissime persone lo seguono come se fosse il Messia.
Nel suo ultimo post sul blog addirittura si lascia andare a un delirio di onnipotenza e dichiara:

Spider Truman è lì vicino a voi.
Spider Truman è ovunque
.

e ancora:

Se avete paura di lui, significa che avete qualcosa da nascondere.
E allora fate bene ad aver paura, perchè presto ci riprenderemo ciò che ci spetta.
Ci riprenderemo la dignità. La giustizia. La democrazia.

tutto farcito con l’avatar di V for Vendetta.

Ciò che i seguaci affermano, anche con veemenza, è che non è importante chi egli sia ma conta solo che abbia catalizzato la rabbia di tante persone, unendole in un unico coro di protesta.
Sembra quasi che centinaia di migliaia di persone si stiano arrapando all’idea di fare una rivoluzione vecchia maniera, coi forconi e le torce (in effetti l’idea solletica anche me ma con diverse modalità) e che queste persone cerchino per forza un capo, un leader maximo o un duce (così, per par condicio), che li possa guidare alla vittoria.
Quelle stesse persone che evidentemente non hanno mai avuto l’abitudine a informarsi o a leggere un libro o a cercare da sole le informazioni piuttosto che a lasciarsele colare in bocca dal biberon di mammà. O del primo che capita.
Ciò che mi lascia profondamente stupito è vedere quante gente è pronta a gettarsi a testa bassa dietro al primo fesso che si presenta come rivoluzionario, con promesse vuote e demagogiche, non importa chi egli sia nè quali siano le sue intenzioni.
Questo è molto stupido ed è molto pericoloso.

 
6 commenti

Pubblicato da su 18 luglio 2011 in attualità, politica

 

Tag: , , , , , , , , , , ,

Vittoria!

Due settimane di fibrillazione. Due settimane nelle quali ogni dichiarazione poteva far pendere la bilancia da una parte o dall’altra. Dopo anni nei quali i cittadini si sono ampiamente rotti i coglioni di una politica ammuffita e logora, sepolta dal gioco delle tre carte con cui le poltrone passavano da un sottosegretario a un ministro e viceversa, in un circolo senza sosta. Dopo anni di sopportazione ai limiti dell’autolesionismo, ecco finalmente la volontà popolare, il succo della democrazia, dare una forte sterzata politica al paese.
Berlusconi perde dapperrutto, tranne forse a Varese e Iglesias, ma non per merito del PD, quanto piuttosto per merito di chi si è messo in gioco con nuove idee e con il coraggio di proporre un cambiamento forte, radicale e impopolare, rischiando il tutto per tutto.
Anni di promesse vuote, di disastri, di disoccupazione e impoverimento generale, anni di corruzione a 360 gradi e di malcostume politico sono stati pesati, misurati e finalmente rigettati al mittente. Emblematica la disfatta ad Arcore!
La voglia di onestà, di riscatto nazionale e di giustizia è cresciuta a dismisura e ha trovato la sua naturale via di sbocco. Sperando che adesso il nuovo sistema politico riesca a fare misericordiosamente a pezzi quello vecchio e sperando che chi verrà saprà imparare dagli errori passati.
Nel frattempo voglio illudermi che il vento sia davvero cambiato e che porterà le novità tanto desiderate. Mi voglio proprio godere questo momento!

 
2 commenti

Pubblicato da su 30 maggio 2011 in politica

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,

Non ti interessa la politica? Allora sei uno scilipoti!

Credi che la politica sia solo un magnamagna e che i politici siano tutti corrotti? Bene, fai sentire la tua voce ed esprimi il tuo dissenso!
Dici che al parlamento non c’è un politico, che sia uno, capace di rappresentare le idee e gli ideali delle persone oneste? Fallo tu! Intervieni attivamente, proponi idee e nomi, scrivi, fotografa, registra, diffondi, partecipa. Sii parte attiva della società civile. Non importa come, i mezzi ce li hai, ma fallo.
Proponiti tu stesso, se pensi di esserne in grado. Crea un partito, un movimento, una corrente! Pure Grillo c’è riuscito!
In una parola: SCHIERATI!
Al centro, a destra, sinistra, dove vuoi tu, ma SCHIERATI!
Se invece pensi che sia tutto inutile, che tanto al magnamagna non c’è soluzione e che chiunque si candidi sia un corrotto, un ladro e un opportunista, se credi che la politica sia una zozzeria da cui è meglio stare alla larga e che è inutile farsi il sangue amaro perchè tanto alla fine non cambia niente, beh allora sei uno di loro!
Proprio così, perchè tirarsene fuori vuol dire lasciare campo libero agli avvoltoi e dunque mandare a fondo il paese. Significa preferire il proprio orticello a tutto il resto.
Credi che stia esagerando? Che in fondo sei una persona onesta e non fai alcun male in questo modo? Alla fine è solo un mignottame squallido, perchè dovrebbe fregartene?
Allora vediamo se in questo modo lo capisci.
Consideriamo l’insieme di tutti gli elettori italiani, quelli che alcuni chiamano “pecoroni”. Chiamiamolo invece “I”.
I = Insieme degli Elettori Italiani.
Consideriamo adesso l’insieme degli elettori onesti e disinteressati “O”.
O = Insieme degli Elettori Onesti.
Supponiamo che un giorno gli elettori onesti si rompano le palle di votare e decidano di andare a pesca il giorno delle elezioni. Se togliamo l’insieme “O” dall’insieme “I” cosa rimane?
I – O = ?
Se da tutti gli elettori italiani togliamo quelli onesti, che cosa resta?
Ecco, bravo.
Capisci allora che il tuo menefreghismo favorisce il degrado politico e spinge avanti proprio quei corrotti e disonesti che tu tanto disprezzi?
Ne sei ugualmente responsabile.
Sei uno scilipoti anche tu!

L'indifferenza è mafiosa.

 
3 commenti

Pubblicato da su 14 aprile 2011 in politica

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

I falsi terremotati di Mediaset

Se esiste ancora qualcuno che guarda Forum e non abbia 80 anni, allora avrà certamente avuto modo di godersi l’ultimo siparietto, messo in scena dagli autori della trasmissione a beneficio del nostro sempre più amato Presidente del Consiglio.
I due attori, interpretando due coniugi aquilani separati e litigiosi, non hanno perso tempo a sottolineare il successo di Berlusconi nella ricostruzione della città, con farneticazioni a dir poco inquietanti.
Ecco qualche lapidario estratto:

– tutte le attività commerciali hanno riaperto;
– il capoluogo é in piena ricostruzione e sta tornando come prima;
– gli sfollati assistiti “sono rimasti fuori solo trecento, quattrocento persone: stanno in hotel perché gli fa pure comodo, mangiano, bevono e non pagano nulla, pure io ci vorrei andare

Quel pure io ci vorrei andare è allucinante, fa venire i brividi. Davvero Marina Villa, questo il nome dell’attrice, vorrebbe vivere da terremotata, senza più una casa e ospite di un albergo da quasi due anni? Le implicazioni sono gravissime, poichè si vuole sminuire non solo il senso della protesta di un’intera cittadinanza, amministrazione compresa, ma addirittura la dignità di persone che hanno subito una disgrazia durissima e che sono tuttora costrette a vivere in stanze d’albergo!
Ovviamente non poteva poi mancare l’inevitabile ringraziamento a Silvio Berlusconi, per lo splendido lavoro compiuto, e persino a Guido Bertolaso.
La smentita è giunta puntuale da parte dell’assessore alla Cultura dell’AquilaStefania Pezzopane, in una lettera a Rita Dalla Chiesa.
Noi tutti“, scrive la Pezzopane, “che viviamo quotidianamente il dramma e la desolazione di vedere la nostra città distrutta e abbandonata, ci sentiamo offesi e presi in giro“.
Il testo completo della lettera potete leggerlo qui (con dispositivi mobili potreste avere problemi a scaricare il file).
Come se ne avessimo ancora bisogno (ma forse è davvero così), questa è l’ennesima dimostrazione che il nostro paese necessita sempre di più di una cura ricostituente della dignità e del cervello, quest’ultimo oramai completamente rattrappito dalla mediocrità, per non dire che è affogato nella merda.
Le reti di Berlusconi ricorrono sempre più spesso a mezzucci meschini e disgustosi per inculcare le menzogne governative ma la cosa peggiore è vedere quanta cattiveria si usa per screditare coloro che si oppongono e ancora protestano per avere una casa e una vita normale nella loro città.
Sapete questi attori quanto hanno avuto per recitare la loro parte? 300 euro. Un cazzo, praticamente, il prezzo bassissimo della loro dignità.
In miniera li manderei a recitare. Magari in zona sismica.
Chissà cosa penserebbe il padre della Dalla Chiesa, se fosse ancora vivo, del comportamento prezzolato della figlia.

 
 

Tag: , , , , , , , , , , ,

Questi comunisti che vogliono mangiare i nostri figli!

Attacco di Berlusconi alla scuola: gli insegnanti inculcano concetti contrari ai valori cristiani. È dunque ufficiale l’introduzione, nelle classi, di storia del bunga-bunga.

La mia prima reazione, dopo l’ennesima megaputtanata di Silvio Berlusconi, è stata quella di riderci sopra. Effettivamente è motivo di grasse risate vedere uno degli uomini più moralmente corrotti dell’universo fare il bacchettone al centro di un congresso di altri bacchettoni. Faceva anche tenerezza vedere quest’uomo aggirare in maniera imbarazzante il concetto di morale cristiana, evitando gli argomenti scottanti del sesso e preferendo il sempreverde matrimonio gay o le adozioni dei single. Successo sicuro fra i cattolici riformisti!
La seconda reazione, invece, è stata una fortissima incazzatura nel  constatare che una parte imponente e importantissima delle istituzioni (quella dell’Istruzione) ha dovuto subire una tale mortificazione pubblica.
Quella di Berlusconi non è stata solo una marchetta al Vaticano, è stato anche e soprattutto il manifestarsi parossistico di un pensiero distorto, secondo il quale i valori sociali, di eguaglianza, rispetto e onestà, che poi sono quelli insegnati nelle scuole pubbliche, sono valori contrari a quelli insegnati nelle famiglie. In tal senso, le scuole private e paritarie garantirebbero un’educazione in linea con quella auspicata dal premier, cioè tanto volemosebbene, una continua overdose di valori edulcorati e malleabili e, naturalmente, metterebbero al riparo i giovani virgulti dallo stress da troppo studio, che affligge invece i poveri prigionieri dei gulag mascherati da scuole pubbliche (che, ricordo, sono statali, cioè appartengono alla stessa istituzione – ahimè – governata da Berlusconi). Questa cosa ha delle implicazioni di non poco conto.

Read the rest of this entry »

 
2 commenti

Pubblicato da su 28 febbraio 2011 in attualità, politica

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,

Del significato di libertà e di quanto siamo caduti in basso.

Libertà è diventato un termine molto in voga negli ultimi anni, se ne riempiono la bocca in tanti, qualcuno per scoprire che sapore ha, qualcun altro sperando di poterla masticare e inghiottire prima che possa far danni. Non c’è artista, scienziato o pensatore che non ne parli, e anche giustamente poichè la libertà è il valore fondamentale di ogni essere umano, prima ancora di tutti gli altri. L’Amore stesso è espressione di Libertà.

Il vero sdoganamento alle masse, o meglio la vera massificazione (e mercificazione) del termine è avvenuta quando, aprendo il vocabolario alla lettera ‘L’, ne hanno scoperto l’esistenza anche i politici. Da quel momento, è stato un fiorire di libertà. Siamo sommersi da popoli della libertà, futuro e libertà, sinistra e libertà, libertà e giustizia (quest’ultima però è un’associazione, non un partito politico), e prima c’era pure una casa delle libertà che, con un profetico gioco di parole, rivelava in tempi non sospetti ciò che oggi tutti sappiamo. Oramai, libertà abbonda sulle stesse bocche dove abbonda anche il riso.

Se ne parla molto ma c’è ancora grande confusione sul suo significato.

Read the rest of this entry »

 
1 Commento

Pubblicato da su 26 febbraio 2011 in attualità, politica, vita reale

 

Tag: , , , , , ,

Siamo tutti indiani.

È interessante notare come in India ci considerino simili a loro, almeno per quanto riguarda un piccolo particolare politico: la corruzione.
È sempre un piacere sentirsi amati all’estero.

La maggior parte degli indiani confessa di sentirsi a casa in Italia: la vita è caotica, nessuno rispetta le regole, la polizia è corrotta, vi è una considerevole evasione fiscale, la mafia controlla grosse fette del territorio, il governo è incapace e i benestanti fanno una bella vita. (fonte: The Hindu)

E a proposito di corruzione e degrado morale, leggete cosa scrive il Guardian:

Il berlusconismo è una piaga della società italiana. Anziché la solidarietà, propone un falso individualismo. Anzichè duro lavoro e professionalità, suggerisce ai giovani di diventare ricchi velocemente con l’astuzia, le truffe e l’utilizzo del proprio corpo.
Il vero scandalo è che un’intera generazione, che lotta per immaginare un futuro, si confronta solo con lo svilimento morale incarnato dai suoi stessi leader. (fonte: The Guardian)

 
1 Commento

Pubblicato da su 24 febbraio 2011 in politica

 

Tag: , , , , , , ,