RSS

Archivi tag: iphone

#sworcery: magia e avventura a 8bit su ipad.

Sull’ipad di prima generazione ho scritto già tutto quello che dovevo scrivere.
Più di ogni altra cosa, mi ha profondamente colpito la qualità dei videogame proposti su AppStore, alcuni dei quali si distinguono per una ricercatezza e una punta di originalità che latitano clamorosamente sulle altre piattaforme.
Se amate le avventure, quelle con tante suggestioni epiche e scenari evocativi, quelle con una colonna sonora che vi solleva come un torrente e vi trasporta fuori dalla vostra incredula realtà e se, naturalmente, avete un ipad a portata di mano (ma basta anche un iphone o un ipod, perchè dovrebbe esistere anche una versione per gli schermi piccoli), allora non potete assolutamente lasciarvi sfuggire questo Superbrothers: Sword & Sworcery.

S:S&S EP is a 21st century interpretation of the archetypical old school videogame adventure

Read the rest of this entry »

Annunci
 
2 commenti

Pubblicato da su 19 maggio 2011 in apple, arte, videogame

 

Tag: , , , , , , , , ,

Ecco perchè è sparito Atomic Web Browser

Avevo appena riacquistato Atomic Web Browser, che usavo regolarmente sull’ipod, per usarlo anche sul novello ipad (mortacci loro), quando è misteriosamente sparito dall’app store. Ho contattato lo sviluppatore e questa è la risposta che ho avuto:

Hi Luca,

I’m sorry, Apple pulled it for using a private api. No sercurity hole, just an api safari used to make the scrolling smooth.
I submitted a new version without it. Hopefully they will approve it soon.

You can check the twitter feed to find out when it gets approved

http://twitter.com/atomicwebbrowse

Regards,

Richard

In pratica, hanno usato un’api di Safari per rendere più fluido lo scrolling delle pagine e Apple non ha gradito. Non ci sono problemi di sicurezza e chi ha acquistato l’app può continuare a usarla e presto (sperano) la nuova versione sarà approvata e tornerà disponibile.

PS – Lo so che morivate dalla voglia di sapero. Dite la verità, adesso potrete tornare a dormire tranquilli, eh? :D

 
3 commenti

Pubblicato da su 12 marzo 2011 in apple

 

Tag: , , , , , , , ,

anobii app: catalogare in un click.

Con anobii possiamo prendere la libreria che abbiamo a casa e lanciarla sulle maree del cyberspazio (da quanto tempo non sentivate più sta parola, eh?) ed è una gran figata per chi vuole condividere la passione della lettura a livello globale. Certo, però, che inserire i titoli uno ad uno è una bella rottura di palle, soprattutto quando bisogna cercare fra differenti edizioni dello stesso libro o quando la ricerca nel database non va a buon fine, per non parlare poi di quando manca la copertina giusta.
Ecco, chi è uno smartphone dipendente, come me, potrà trovare un comodissimo aiuto nell’app ufficiale di anobii (che sicuramente esiste già da un paio di secoli ma io l’ho vista solo adesso) che permette di leggere il codice a barre, dietro la copertina del libro, e recuperare tutte le informazioni necessarie, facendo in pochi istanti quello che prima richiedeva un sacco di tempo.
L’applicazione che, ricordo, esiste non solo per quei pochi radical chic con l’iphone ma anche per i tantissimi superfighi con android, permette anche di scrivere e leggere recensioni dei libri presenti.
Pensate che in una sola serata ho messo più libri di quanti ne avessi inseriti a mano dal desktop. Ed è persino aggratis!

 
5 commenti

Pubblicato da su 27 febbraio 2011 in internet, libri, tech, vita reale

 

Tag: , , , , , , , , , ,

I migliori web browser per iphone e per android.

Come navigate col vostro smartphone? Quanto tempo perdete ad aspettare di aprire le pagine piuttosto che a leggere ciò che vi interessa? Quante pagine aprite tutte insieme? Usate un’interfaccia visibile o preferite la visualizzazione a schermo intero? E i tab? E la navigazione in incognito? E le ‘gesture‘?
Oltre alla qualità della trasmissione, il browser è responsabile di come navighiamo sul web, sia in termini di velocità che di ergonomia di utilizzo. Scegliere un buon browser è fondamentale se si prevede di fare un uso intenso di internet.
Vediamo insieme quali sono le principali alternative disponibili sul mercato per gli utenti Android e iPhone.

Read the rest of this entry »

 
1 Commento

Pubblicato da su 8 ottobre 2010 in apple, internet, tech

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , ,

Ultime notizie dall’oblio.

L'espressione dell'ignaro MS user durante un attacco di scareware! Brrrr....

Microsoft proprio non riesce a scrollarsi di dosso la macumba che trasforma tutti i suoi software in tenere e formaggiose forme di gruviera e, dopo essersi più volte fasciata la testa per le tante falle nella sua sicurezza, stavolta le tocca fasciarsi l’entrata di servizio con una bella mutanda di ghisa a causa di un codice malevolo che frega il sistema tramite l’umano. Si tratta di un attacco che copia perfettamente i messaggi di allerta dei principali browser, invitando a scaricare l’ennesimo trojan o figlio di tale per infettare il sistema. Si chiama scareware e punta tutto sul terrorismo psicologico degli utenti sotto il finto attacco. Utenti Windows, naturalmente. Gli utenti Linux invece ridono. HAHAHA!!

Hansen in una tipica posa da strizzatura degli zebedei.

L’ultimo album targato Gamma Ray è attualmente in esecuzione nel mio bellissimo e pinguinoso player e, sebbene l’impressione iniziale dei primi 13 secondi fosse quella di aver scaricato un fake dei Maiden (sappiamo che Hansen è un appassionato di citazioni, anche spudorate), il resto si presenta con notevole grinta e spessore, quasi come se fosse un album serio. I quattro di Amburgo (non è vero, solo due sono di Amburgo) hanno sfornato un prodotto dignitoso e persino piacevole e con una discreta profondità compositiva. Sono ancora al primo ascolto, sia chiaro, quindi sicuramente ci saranno millemila magagne ancora sepolte da far emergere ma il ritmo si mantiene vivace e scoppiettante, con tante belle cavalcate epiche disseminate qua e là e un’energia incontenibile, e poi c’è la presenza del redivivo Kiske che omaggia i fan in una traccia a caso (non vi dirò quale, dovrete scoprirlo da soli) dunque per ora chi se ne fotte delle magagne. Da sottolineare la performance vocale di Hansen che, per una volta, mette da parte gli screaming  e gli acuti per concentrarsi su di una maggiore espressività, accompagnata da una tecnica migliore del solito. Rettifico: nella nona traccia si strizza gli zebedei alla vecchia maniera, la sto ascoltando proprio adesso, ma a essere onesti non è la stessa strizzata dei vecchi tempi.
Per ora pare bello e me lo porterò in viaggio fra quattro giorni. Sono molto contento.

A tutt’oggi, dall’uscita del nuovo iphone4, non ho ancora poggiato lo sguardo sul mirabolante e mitologico retina display e vivo un profondo senso di frustrazione. Il mio HTC Wildfire dallo schermo in bassa risoluzione, invece, vive in un profondo stato di terrore! Tranquillo piccolino, la mia è solo curiosità nerd e non preannuncia alcun licenziamento e se fai il bravo più in là ti farò pure un atteso regalo. Puoi smettere di vibrare.

Un libro di media appetibilità.

Proprio oggi ho finito di leggere Le Porte Dell’Inferno Si Sono Aperte, romanzo per giovani adulti di John Connolly, ed è una cagatina senza pretese, mediamente vivace, mediamente avvincente mediamente spaventoso, mediamente divertente, mediamente divulgativo. Insomma, un romanzo mediamente medio. Non date retta a chi vi dice che unisce la fisica quantistica a un’invasione di demoni, resta comunque una cagatina senza pretese.

Last but not least… una notizia che farà crollare il mondo: Duke Nukem Forever è stato COMPLETATO!!

Come avrete potuto notare (seeeee vabbuò!) ultimamente ho postato davvero poco, ciò è dovuto a un sovraccarico di impegni, intervallati da qualche giorno di vacanza, che hanno fulminato il mio tempo-blog e la mia propensione a scrivere cazzate, cosa che ha di fatto migliorato la qualità della vita in tutto quanto l’universo, o meglio: la vita, l’universo e tutto quanto.
In tutto ciò c’entra molto anche il fatto che oggi mi sposo.

 
3 commenti

Pubblicato da su 4 settembre 2010 in informatica, musica, tech, vita reale

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Visto che è gratis…

In concomitanza dell’uscita di Dark Nebula Episode 2, fino alla fine del week end è possibile scaricare gratis DarkNebula Episode I per iphone/ipod. Magari a qualcuno è sfuggito.
Avete ancora due giorni di tempo.

 
2 commenti

Pubblicato da su 13 agosto 2010 in tech, videogame

 

Tag: , , , ,

Due conti in tasca (a Jobs).

A Jobs un iphone 4 costa 188 talleri statunitensi. Il componente più costoso è il retina display che raggiunge la cifra astronomica di 28.50$, mentre il processore A4 arriva appena sotto gli 11$.
Lo dice la società di ricerche iSupply, che pare faccia il conto dei peli di Jobs all’uscita di ogni nuovo prodotto.
Quindi, un iphone costa 188$, senza però contare lo sviluppo software e gli accordi con i gestori.
Considerando che il software è sviluppato internamente, quindi i costi sono  mantenuti bassi tramite un rigoroso processo produttivo basato su fruste e catene, che i gestori non hanno costi direttamente collegati alla produzione del dispositivo, e considerando che il modello più scrauso da 16GB costa 600$, si può tranquillamente affermare che 312€ (tenendo conto del cambio 1:1 che praticano gli strozzini i rivenditori nostrani) ci vengono direttamente estratti dal culo senza anestesia.

 
2 commenti

Pubblicato da su 29 giugno 2010 in mode, tech

 

Tag: , , , ,